"Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla."
Martin Luther King

Where you can find us

top.ht1.jpg

Partner

LOGO3.jpg

Logo-Mielina-5.jpg

Favole

drag.png

Sostegno a Sofia (2)

Soggetti beneficiariSofia

Periodo di realizzazione: luglio 2013 - 2014

Fonte di finanziamento:  Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali; Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin; Fondazione Biasotto; Associazione AGMEN; Associazione Luca; raccolta fondi a cura di  @uxilia Onlus.

Costo complessivo: 120.000 euro

Stato progetto: in corso

Si chiama Sofia Kuchynska, è nata il 20 maggio 2008, è affetta da leucemia acuta linfoblastica Ph+ e recidivata a 24 mesi dalla diagnosi la piccola bimba ucraina, probabile vittima delle conseguenze di Chernobyl e giudicata incurabile nel suo paese. Grazie all’attività e all’impegno dell’associazione @uxilia Onlus la piccola Sofia è arriva a Trieste in poco più di 5 giorni dalla richiesta di aiuto.

E' stata ricoverata all’ospedale infantile Burlo Garofalo. A causa del rapido deteriorarsi delle condizioni cliniche della bambina si rende necessario procedere a un trapianto allogenico di midollo osseo da donatore esterno non essendo disponibili parenti con midollo compatibile. Una procedura non realizzabile in Ucraina: dunque, come già avvenuto in precedenza per altri bambini tutelati da @uxilia, si è richiesto alla regione Friuli Venezia Giulia di provvedere al supporto necessario alla terapia di Sofia in quanto procedura prevista all’interno del Piano operativo 2010-2013 nell’ambito delle «Dimensioni internazionali della politica della salute della regione Autonoma Friuli Venezia Giulia».  @uxilia Onlus si rende disponibile a intervenire per coprire parte dei costi d’intervento fino a un importo di circa 35 mila euro. Per la piccola il trattamento sanitari o - che per mancanza di Fondi l’Ucraina non poteva permettersi e che avrebbe portato alla morte di Sofia - comprende 4 cicli di chemioterapia, ricerca del donatore, ablazione midollare e trapianto allogenico di midollo.

Il primo step è stato di trattare Sofia secondo il protocollo chemioterapico AIEOP LLA REC 2003 che ha previsto la prosecuzione della chemioterapia fino a remissione completa di malattia sostenuto economicamente a carico dell’amministrazione Regionale corrispondente all’Azienda per i servizi sanitari n°5 bassa friulana e corrispondente a 4 ricoveri con DRG 410 (euro 10.224) avvenuti nei mesi di agosto e settembre 2013.

Il secondo step ha previsto il sostegno economico per ricerca, tipizzazione, espianto e spedizione del midollo del donatore. Come da relazione allegata la necessità di procede prima possibile a tale procedura ha indotto @uxilia onlus a formalizzare presso l’IBMDR - Italian Bone Marrow Donor Registry la presa in carico dei costi corrispondenti a circa 20.000 euro. Tale presa in carico avvenuta tramite lettera in data 9/9/2013 inviata all' IBMDR in collegamento con il BMDWW One Marrow Arrow Donors World Wide hanno dato l'avvio alle ricerche in 53 Registri situati in 39 nazioni e di 35 Banche di sangue da cordone ombelicale che si è conclusa a fine dicembre 2013 con l’identificazione del donatore compatibile di nazionalità israeliana di origine russa.

Il terzo step ha previsto le tipizzazioni genetiche all’ospedale Galliera di Genova, prestazioni ambulatoriali, la bonifica e trattamenti specialistici per ridurre i rischi infettivi in previsione del trattamento di trapianto di midollo, il ricovero e il trattamento di radioterapia presso l’ospedale di Padova per l’eliminazione di eventuali cellule neoplastiche residue e l’espianto del midollo del donatore, il tutto sostenuto economicamente a carico di @uxilia onlus 

Il quarto Step già in corso corrisponde al trapianto di midollo tramite infusione di Cellule Staminali Emopoietiche (CSE) del donatore israeliano avvenuto il giorno 30/01/2014. La prospettiva dei prossimi mesi è un unico ricovero pari a 120 giorni con DRG di 60.000 euro. Quello che potrà venire dopo i 120 giorni è difficilmente ipotizzabile ma se va tutto bene qualche DH per altri 3 mesi circa poi potrà rientrare in patria. Intervengono in questa fase a sostenere economicamente le associazioni Luca e Agmen.

AIUTACI A SALVARE LA PICCOLA SOFIA!

 

PHOTOGALLERY

22.jpg33.jpg55.jpg66.jpg77.jpg88.jpg1465220_647861715260837_796423570_n.jpg1499648_647861471927528_1649639943_n.jpg10299532_705113062867878_5465552810039355221_n.jpg10341772_705113016201216_2999094142934308498_n.jpg10357261_705113109534540_9145784456940070366_n.jpg10430861_705112986201219_9056053908515734138_n.jpg10441119_705113129534538_7642470655373043677_n.jpg10450162_705113179534533_2403176500577254418_n.jpgSofia.jpg

 

 VIDEO

Paper Crane per Sofia

 

Servizio TG3 

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più privacy policy.

Accetto i cookies per da questo sito.